Influencer: io sto dalla loro parte !!

Aiutami a diffondere il post: Condividi !!

In questi ultimi mesi ho ormai notato che va di moda attaccare, molte volte senza motivo, quei personaggi che sul web vengono definiti Influencer.

L’Influencer è una figura lavorativa venuta alla ribalta in questi ultimi anni grazie alla diffusione del web e dei Social Media. Come capita sempre per le novità che non vengono capite anche l’Influencer è costretto a passare sotto le forche caudine dei veri “professionisti del web“.

L’Influencer è un personaggio del web che spesso e volentieri viene sbeffeggiato e messo alla gogna solamente perché in realtà non capiamo, o non vogliamo capire, che anche lui è una figura professionale.

Prima di continuare andiamo a vedere esattamente quale sia la definizione di questo “personaggio” così odiato da tutti: “Influencer: individui con un più o meno ampio seguito di pubblico capaci di influenzare i consumatori in ragione del loro carisma e della loro autorevolezza.

 

INFLUENCER E PROFESSIONISTI ANNI ’80

L’influencer si scontra maggiormente con quei “professionisti” con una mentalità lavorativa ferma al 1980, gente in giacca e cravatta che gode nel lavorare 14 ore al giorno (domeniche incluse). Poi ci sono quelli che escono sempre dopo le 20 così il capo vede che lavorano (anche se poi passano il tempo su Facebook).

Una mentalità lavorativa che spero muoia, spero nelle nuove generazioni, perché i lavori del futuro saranno diversi molto diversi e molto probabilmente non bisognerà passare 8 ore dentro un ufficio insieme a persone che non sopportiamo.

Certo bisogna chiarire una cosa, non tutti sono uguali. Ci sono Influencer cialtroni che campano solo di paroloni vuoti, di like e followers comprati, personaggi che portano un danno a chi l’ingaggia.

Parliamoci chiaro però, di cialtroni ne troviamo in tutte le categorie professionali: avvocati, politici, ingegneri, informatici, medici. Come è vero questo è anche vero che esistono avvocati, politici, ingegneri, informatici, medici seri e professionali come anche Influencer.

Intorno a questa nuova figura si è sviluppato l‘influencer marketing. Se siete interessati a questo argomento vi consiglio di leggere l’articolo di Matteo Pogliani: “GUIDA COMPLETA ALL’INFLUENCER MARKETING: DEFINIZIONI, STRATEGIE, OBIETTIVI, ANALISI“. 

Naturalmente vi propongo anche un articolo di Domenico Naso che invece ha una visione totalmente negativa di questi personaggi. Non voglio “influenzare” nessuno con questo post, per questo vi propongo entrambe le sponde. Naturalmente voi potete dire la vostra sfruttando i commenti sotto questo post.

 

CONCLUSIONI

Questo post nasce solamente da una mia esigenza di chiarire, promettendo a me stesso di non tornarci più su questo argomento, che non mi piace la caccia alle streghe (e tutta questa polemica che si sta generando sul web), come non mi piace fare di tutta l’erba un fascio.

Naturalmente, come già ho fatto, se l’attività è sospetta e se l’Influencer é poco chiaro è nostro diritto (come consumatori) farlo notare. Come non bisogna prendere come oro colato tutto quello che dicono, attivare il cervello e far sapere che “mi dispiace, ma quello che dici non lo trovo giusto.

Ora se volete scatenatevi sotto questo post nei commenti con il vostro pensiero in merito a questo argomento.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

 

Al prossimo post !!!

Influencer: io sto dalla loro parte !!
5 (100%) 2 votes
Andrea Toxiri

Online dal 1999 (blogger dal 2009) e da quel giorno non ho mai smesso. Nerd con la passione per la fotografia e la buona cucina.

2 commenti

  1. A volte è difficile seguire i cambiamenti che avvengono sul Web e nel mondo del Lavoro – e sì, spesso la fama e il denaro accumulati da alcuni “influencer” suscitano delle perplessità, se non delle vere e proprie invidie.

    D’altra parte, mi dico sempre, se queste persone hanno ottenuto quei risultati, significa che esiste un mercato anche per loro: e sono riusciti a dominarlo, ben fatto!

    1. Ciao Andrea e grazie per il tuo commento.

      Come ho specificato nel post l’influencer deve, volente o nolente, ormai è una figura professionale affermata. Non mi piace fare di tutta l’erba un fascio, ci sono pagliacci in tutti i lavori come ci sono professionisti seri, anche tra gli influencer. Quello che proprio non riesco a sopportare è questa “Guerra Santa” che è partita contro di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *