Instagram: come convertire il profilo personale in business

Andiamo a vedere come convertire il profilo personale Instagram in profilo business.

Se usi il tuo profilo Instagram per lavoro allora è il caso di convertirlo da account personale a business.

Il passaggio ad un profilo business è conveniente sotto diversi punti di vista, specialmente se usi Instagram per lavoro. Ad esempio se vuoi sponsorizzare un post (come fare l’ho spiegato qui) oppure se vuoi avere le statistiche del tuo account per impostare una strategia (come fare l’ho spiegato qui), allora devi convertire il tuo profilo personale in business.

Fare questo passaggio è molto semplice quindi mettiti comodo e continua la lettura di questo post che ti spiego come fare.

DA PROFILO PERSONALE A PROFILO BUSINESS

Per convertire il nostro profilo basta accedere al nostro profilo dal nostro smartphone e andare sul menù Impostazioni. Successivamente bisogna andare sulla voce Account e poi trovare la voce “Passa a un profilo Aziendale“.

“Attenzione prima di effettuare la conversione devi essere proprietario di una Pagina Facebook, infatti quando andate a convertire il profilo Instagram vi chiederà di associare al profilo una Pagina Facebook”.

A questo punto vi basta seguire i passi (che sono veramente pochi) e il gioco è fatto, da questo momento il vostro profilo è convertito. Naturalmente le statistiche partono da questo momento, quindi per tutti i post che avete pubblicato precedentemente non ci saranno le statistiche.

Inoltre oltre le statistiche con la versione Business si possono inserire sul vostro profilo le modalità di contatto (email o telefono) oppure inserire l’indirizzo del vostro ufficio/azienda.

CONCLUSIONI

Se usate Instagram per lavoro allora dovete considerare il passaggio alla versione Business. Naturalmente si può tornare indietro alla versione normale quando volete e senza problemi per ritornare quando volete alla versione business.

Se avete domande o dubbi sfruttate i commenti sotto questo post, se invece ancora non seguite il mio profilo instagram allora clicca qui.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Quando pubblicare su Instagram?

Quando bisogna pubblicare su Instagram? A che ora? In quale giorno? In questo post ti spiego come lavoro io con il mio account Instagram.

Spesso e volentieri leggo fantomatiche teorie dei “guru” dei Social Media dove spiegano a che ora, e in quali giorni, bisogna pubblicare per avere più successo. Tutte cazzate!!

Non esiste la formula magica che ti indica a che ora e in quale giorno bisogna pubblicare per ottenere più successo su Instagram. È ora di crescere e smettere di credere a tutte le cazzate che dicono questi “guru”, perché poi queste cazzate diventano libri e questi libri aumentano la loro “web credibility“.

RAGIONA E SPERIMENTA

Su Instagram, ma anche sui Social Media in generale, non esiste una regola generale che vale per tutti. Se una strategia vale per un account non è detto che valga anche per il tuo, e viceversa.

Allora cosa possiamo fare per capire quale strategia usare sul nostro account Instagram? Ragiona e Sperimenta!

RAGIONA

Questa forse è la cosa più difficile da fare ma anche la più importante per ottenere quello che vuoi: ragionare!!

Prima di tutto devi capire, ma questo già lo dovresti sapere, che tipo di account è il tuo, che pubblico hai e quali sono le abitudini delle persone che ti seguono e cosa gli piace di più.

Naturalmente che il tuo sia un pubblico spontaneo, ovvero che non hai fatto la cazzata di comprarti i followers come fanno in molti solo per far vedere che lo tengono grosso (il numero di followers intendo… 😀 ).

Invece di buttare i soldi per comprarti i followers spendili in qualcosa di più utile, tipo in formazione o per pagare un professionista che ti gestisca i Social Media.

Altra cosa importante lascia perdere le vanity metrics, ovvero il numero di like, commenti e condivisioni che ogni tuo post prende. Si è vero vedere tanti like, commenti e condivisioni sotto i propri post può essere gratificante, ma alla fine non servono a niente se non sono spontanei.

Ok, ora che ti sei purificato da tutte queste cazzate puoi iniziare a pensare alla tua strategia. In questo caso ci può venire in aiuto lo stesso Instagram che mette a disposizione le statistiche dell’account.

N.B.

Se vuoi vedere le statistiche dell’account devi prima convertirlo nella versione Business. Se non sai come fare per adesso chiedi pure nei commenti, prossimamente farò anche un post dettagliato.

Per accedere alle tue statiche ti basta andare sul tuo profilo e poi cliccare sull’icona in alto a destra, poi cliccare su Dati Statici. Qui trovi tante informazioni utili che ti possono far capire come lavora il tuo account e chi sono i tuoi followers.

In questa sezione trovi anche l’informazioni riguardanti gli orari e i giorni quando i tuoi followers sono più attivi. Naturalmente sono statistiche e quindi vanno lette, interpretate e non prese come Vangelo ma possono essere un buon punto di partenza per impostare la propria strategia.

SPERIMENTA

Ora che hai definito la prima bozza della tua strategia devi iniziare a sperimentare e verificare se effettivamente hai dei risultati. E se la strategia non funziona? Semplice, ricomincia da capo a ragionare, ridefinisci una nuova strategia e sperimenti nuovamente.

Solo in questa maniera riuscirai ad ottenere i risultati giusti per te, magari non sarà una cosa immediata ma una volta che hai trovato la strada giusta non ti fermerà più nessuno.

CONCLUSIONI

Questo che ho scritto è solamente il mio metodo di lavoro che adotto da sempre sia offline che online, se ti aspettavi trucchi o software magici per diventare famoso su Instagram mi dispiace molto, ma non è qui che devi cercare!!

Tu come approcci il tuo lavoro sui Social? Hai qualche suggerimento o esperienza che vuoi condividere? Allora sfrutta i commenti sotto questo post. Se invece vuoi vedere il mio profilo Instagram basta che clicchi qui: MrTozzo81.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Aumenta la sicurezza del tuo profilo Instagram

Spesso e volentieri i profili Instagram vengono violati perché non sono sufficientemente blindati.

La sicurezza del profilo Instagram può essere migliorata con pochi passi, bisogna fare una precisazione. Account sicuri al 100% non esistono, però cerchiamo almeno di complicare la vita a chi vuole romperci le scatole.

Da settimane ormai su internet è partita l’ansia da “account hackerato” quindi facciamo un piccolo riassunto su come tenere al sicuro i propri account.

CAMBIA LA PASSWORD

Cambiare la password ALMENO e ripeto ALMENO ogni 6 mesi. Sarebbe meglio ogni 3 mesi ma non fate passare neanche 3 anni.

Nella maggior parte dei casi gli account che vengono “bucati” sono quelli che non aggiornano mai (o lo fanno con tempi biblici) la password del proprio account.

USA LA FANTASIA

La sicurezza del profilo Instagram dipende anche dalla nostra fantasia nello scegliere la password. Usate caratteri alfanumerici, Maiuscole e minuscole e simboli speciali (come ad esempio @ #) .

Non usate i nomi dei vostri figli, nipoti, mogli , mariti, affini e usate sempre password da 8 caratteri.

ACCENDETE IL CERVELLO PRIMA DEL COMPUTER/SMARTPHONE

Prima di prendere in mano uno smartphone o accendere un computer attivate il cervello, la sicurezza del profilo Instagram dipende anche da questo. Anzi è la cosa più importante!!

Queste sono le cose che non dovete fare:

  • Non usate password banali
  • Non lasciate la password di default (quella assegnata dal sistema o dal dispositivo che avete comprato)
  • Non scrivete la password su un foglietto in bella vista
  • Non usate la stessa password per tutti i vostri account.
  • Non credete alla prima email che vi arriva e che vi dice di “cliccare sul link” per aggiornare i dati

AUTENTICAZIONE A DUE FATTORI

La tecnologia viene in nostro aiuto per migliorare la sicurezza del profilo Instagram, in particolare con l’autenticazione a due fattori. Questa funzione è ormai disponibile da tempo su Instagram, ma sono ancora pochi i profili che la usano.

La prima cosa che dovete fare, una volta entrati nel vostro profilo, è andare su Impostazioni  poi su Privacy e Sicurezza e alla fine su Autenticazione a due fattori.

Qui puoi decidere se attivare l’autenticazione tramite sms oppure tramite l’applicazione di autenticazione.

AUTENTICAZIONE TRAMITE SMS

Se abilitate l’autenticazione tramite l’sms ogni volta che vi collegherete al vostro account vi verrà richiesto di inserire un codice che vi verrà spedito, tramite sms, al numero di telefono che avete inserito.

AUTENTICAZIONE TRAMITE APPLICAZIONE

In questo caso Instagram vi consiglierà di scaricare un’applicazione di autenticazione che genererà un codice che dovrete inserire ogni volta che vi collegate al vostro profilo.

CONCLUSIONI

Come si può facilmente capire la sicurezza del nostro profilo Instagram dipende principalmente da noi, quando leggiamo che sono stati hackerati degli account tendiamo sempre a dare la colpa alla piattaforma che è poco sicura, ma nella maggior parte dei casi non è così.

Naturalmente questo discorso si può allargare al web in generale. Se hai domande o esperienze in merito puoi sfruttare i commenti sotto questo post per lasciare il tuo contributo.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

[ESPLORANDO ROMA]:Il fiume Tevere in piena

Il Biondo Tevere scorre placido nel cuore della Città Eterna, ma basta una pioggia di troppo per far tremare i romani.

Il fiume Tevere attraversa il cuore della Città Eterna e al contrario della frenesia del traffico che lo circonda lui scorre placido. Questa sua calma però non deve ingannare, e i romani lo sanno bene, perché ogni tanto fa sentire la sua voce e allora bisogna stare attenti.

Il fiume in piena è sempre un evento che attira i curiosi attratti dalla forza della natura che sentire la sua voce. Se poi il fiume passa in mezzo ad una città come Roma allora il fenomeno catalizza l’attenzione delle persone.

Non è la prima volta che succede questo evento nella Capitale e in passato ha avuto anche risvolti più tragici, il Ponte Rotto è li che ricorda tutti i giorni ai romani che bisogna portare rispetto al Biondo Tevere.

IL PONTE ROTTO E IL FIUME TEVERE

Il Ponte Rotto, come racconta il suo stesso nome, porta con sé una storia travagliata, caratterizzata da una leggendaria maledizione che lo vide più volte soccombere alla potenza del fiume Tevere.

In realtà la leggendaria sventura del Ponte è legata alla sua singolare posizione che lo sottopose sempre ad una continua usura.

Il ponte nel corso dei secoli è stato ricostruito più volte , ma alla vigilia di Natale del 1598, un’altra gigantesca piena del fiume si portò via la conduttura insieme a tre delle sei arcate del ponte, che non vennero più ricostruite.

MINI REPORTAGE DEL FIUME IN PIENA

Non sono riuscito ad andare il giorno della massima piena ma solamente il giorno dopo, l’effetto però è sempre di stupore. Qui di seguito alcune foto che ho scattato.

View this post on Instagram

{🗣Il Fiume in piena – il giorno dopo}

A post shared by mrtozzo81 🇮🇹 (@mrtozzo81) on

View this post on Instagram

{🗣Biondo Tevere}

A post shared by mrtozzo81 🇮🇹 (@mrtozzo81) on

CONCLUSIONI

Queste sono alcune delle foto che ho scattato io, altre foto le puoi trovare anche sulla mia Pagina Facebook , tu sei riuscito a vedere il fiume in piena? Se ancora non mi segui questo è il mio profilo Instagram: MrTozzo81.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Come fare foto di notte senza flash

Hai provato a fare foto di notte senza ottenere il risultato sperato? Hai visto delle foto notturne con delle lunghe linee luminose ma non sai come fare? Continua a leggere.

Le foto di notte hanno un fascino particolare perché abbiamo la possibilità di giocare con le luci delle città o con l’oscurità della notte. Ma cosa serve per fare delle belle foto notturne?

REQUISITI

Quello che ti serve per fare delle belle foto è semplice:

  • Una macchina reflex (o che comunque ti permetta di regolare ISO, Tempo di Apertura e Focale).
  • Un treppiede
  • Telecomando per macchina fotografica (in caso contrario va bene anche l’autoscatto)

COME SCATTARE LA FOTO SENZA IL FLASH

No non mi sono scordato il flash e anzi ti dirò che per fare belle foto di notte il flash non serve proprio. Vorresti foto di questo tipo?

View this post on Instagram

{🗣Roma by night}

A post shared by mrtozzo81 🇮🇹 (@mrtozzo81) on

View this post on Instagram

{🗣Roma by night – Lungotevere Ripa}

A post shared by mrtozzo81 🇮🇹 (@mrtozzo81) on

View this post on Instagram

{🗣Roma by night}

A post shared by mrtozzo81 🇮🇹 (@mrtozzo81) on

Allora la prima cosa che devi fare è impostare la tua macchina fotografica nella seguente maniera: ISO Automatici, Tempo di Scatto 15 o 20 secondi (qui devi fare qualche prova) e F/13 come Apertura Focale.

ISO AUTOMATICI

Gli ISO servono per determinare la sensibilità della luce delle nostre foto, solitamente vanno da 100 a 1600 (ma le macchine nuove riescono ad andare anche oltre i 1600). Più il valore è basso e più la sensibilità sarà bassa, molte macchine hanno anche la possibilità di impostare ISO automatici.

Ecco per fare le nostre foto vi consiglio di impostarli in maniera automatica con un limite massimo di 800 ISO. Se vuoi approfondire il discorso ISO sfrutta i commenti sotto questo post.

TEMPO DI APERTURA

Quando scattiamo di notte, o comunque in luoghi con poca luce, e non hai il flash dovrai lavorare per forza sul tempo di apertura. Questa funzione ti permette di decidere quanto tempo deve rimanere aperto l’otturatore della macchinetta.

È facile capire che più l’otturatore rimane aperto e più luce entra, quindi se ci troviamo in un ambiente con poca luce dovremo tenerci alti con i tempi. Nelle foto che vedi sopra ad esempio ho impostato il tempo di apertura a 20 secondi.

Naturalmente se utilizzi tempi di apertura elevati dovrai avere per forza un treppiedi dove posizionare la macchina, e magari anche un telecomandino per scattare, per evitare di ottenere delle foto mosse. Se invece non possiedi un treppiedi dovrai trovare un piano dove posizionare la macchinetta fotografica, l’importante è che non la tieni in mano.

APERTURA FOCALE

L’apertura focale ti permette di decidere quanto deve essere aperto il nostro obiettivo, solitamente si va da F/1.8 a F/22. Più è basso il valore e più la focale sarà aperta, quindi entrerà più luce, mentre più il valore sarà alto e più la focale sarà chiusa, quindi entrerà meno luce.

Quando si gioca con questo parametro bisogna tenere conto anche che cambia la profondità di campo. Quindi un valore basso significa avere una focale più aperta, più luce che entra e una minore profondità di campo.

Mentre avere un valore alto significa avere una focale più chiusa, meno luce che entra e una maggiore profondità di campo. Nel caso delle foto che ho scattato io ho optato per un F/13 per due motivi:

  • Avere una buona profondità di campo
  • Compensare il tempo di apertura

Avendo impostato il tempo di apertura a 20 secondi ho dovuto chiudere la focale in maniera da non avere foto sovraesposte, avendo un tempo di apertura lungo entra molta luce se apriamo anche molto la focale rischiamo che entri molta luce rovinando la nostra foto.

CONCLUSIONI

Questo è quello che serve per fare delle belle foto di notte, il flash lasciatelo a casa. Inoltre se fate foto di notte non dovete per forza sfruttare la lunga esposizione (come nel caso di questo post), ma potete giocare con le luci della città creando degli effetti veramente interessanti.

Tu come ti muovi quando devi fare una uscita notturna con la tua macchinetta? Sfrutta i commenti sotto questo post per lasciare la tua esperienza o se hai domande da fare su questo articolo.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.