Come creare dei Preset con Lightroom

Oggi andiamo a vedere come creare i nostri Preset per lavorare più velocemente le nostre foto.

Se usi Lightroom per la post-produzione delle foto (tranquilli non è un peccato e non va all’inferno se lo fai) avrai sicuramente notato che sulla sinistra trovi i Preset di default.


Il Preset è una serie di modifiche pre-impostate che si possono applicare alle nostre foto. Ad esempio c’è il Preset B/W che trasforma la tua foto da colori a bianco e nero, oppure c’è il Preset Luci Alte oppure il Preset Saturazione che vanno a modificare alcuni parametri delle foto per ottenere alcuni risultati particolari.


COME CREARE UN PRESET


La prima cosa che bisogna fare è aprire una nostra foto con Lightroom ed iniziare a modificarla come vogliamo noi. Una volta terminata l’operazione di post-produzione possiamo passare alla seconda fase: creare il nostro Preset.



Nella sinistra del vostro schermo trovate la sezione Predefiniti, sotto troverete i Preset di default di Lightroom mentre sulla destra della scritta Predefiniti troverete il simbolo +.


Se cliccate sul simbolo + apparirà la schermata che potete vedere nella foto. In questa schermata ci saranno le modifiche che avete appena applicato alla vostra foto quindi, se non volete modificare altro, potete dare un nome al Preset e poi cliccare sul tasto Crea.


A questo punto il vostro Preset è pronto per essere usato nelle prossime foto, lo troverete sempre nella sezione di sinistra (Predefiniti). Naturalmente quando applicherete questo Preset potrete ulteriormente modificare l’impostazioni senza perdere l’impostazioni che avete salvato voi.


CONCLUSIONI


Avere dei Preset personali può essere molto comodo, specialmente se facciamo sempre una stessa tipologia di foto, perché vi permetterà di lavorare velocemente le vostre foto (specialmente se sono tante).

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri. Oppure il mio profilo Instagram: mrtozzo81.

Come caricare video su Adobe Stock

Il mercato dei video stock sta prendendo sempre più piede, quindi se hai già il tuo profilo su Adobe Stock perché non sfruttarlo per caricare video?

Avevo già parlato in passato di come caricare video su Shutterstock, oggi invece andiamo a vedere come caricare video su Adobe Stock. La procedura è molto simile, cambia solamente qualche parametro.


COME CARICARE VIDEO

Caricare un video su Adobe Stock è molto semplice come per caricare i video su Shutterstock. Prima di tutto, ovviamente, bisogna avere un account su Adobe Stock e un client FTP (io uso FileZilla).


I parametri di configurazione del client FTP sono i seguenti:


  • Host: ftp://ftp.contributor.adobestock.com

Invece per quanto riguarda l’user ID e la password non dovete inserire quelli che usate per entrare sul portale. Per ottenere questi due parametri dovete entrare nel portale con la vostra utenza, cliccare sul tasto Carica e aprire il menù a tendina Video.


A questo punto al centro della pagina avrete la scritta “ Utilizzando il tuo FTP puoi anche importare file. Ulteriori informazioni “, cliccando su “Ulteriori informazioni” si aprirà un pop-up con le credenziali ftp.


Tutte queste informazioni dovranno essere inserite nel vostro client FTP come potete vedere anche in foto.



Una volta caricato il video via FTP possiamo andare sul portale, nella sezione File Caricati, dove troveremo il file appena caricato. A questo punto inseriamo le solite informazioni (titolo, categoria, tag etc..) e poi clicchiamo su invia per mandarlo in revisione, il gioco è fatto!!


I file video che potete caricare devono avere i seguenti formati: MOV, MP4, MPG o AVI. Se usate altri formati il vostro video verrà rifiutato prima di essere mandato in revisione.


CONCLUSIONI

Insomma caricare video è molto semplice quindi, se avete già un profilo su Adobe Stock, non perdete altro tempo ed iniziate a caricare i vostri video (i guadagni sui video sono maggiori rispetto alle foto).


Se volete vedere il mio Portfolio su Adobe Stock potete cliccare qui: Portfolio Adobe Stock.


Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri. Oppure il mio profilo Instagram: mrtozzo81.

Light Pollution Map: l’applicazione per la fotografia notturna

Se hai intenzione di fare qualche bella foto in notturna allora ti devi attrezzare per bene.

Oggi non voglio parlare del tipo di attrezzatura necessaria per effettuare delle belle foto notturne, ma di un’applicazione per smartphone che ti potrà tornare utile per organizzare le tue sessioni fotografiche.

In un post precedente ho parlato di Sun Surveyor, l’applicazione che ti permette di monitorare l’andamento del sole, oggi invece andiamo a vedere Light Pollution Map ideale per organizzare le tue fotografie notturne.

L’applicazione è disponibile sia per iOS che per Android ed è scaricabile in maniera gratuita. Esiste anche una versione consultabile via Desktop che puoi trovare qui.

LIGHT POLLUTION MAP: COME FUNZIONA

Questa applicazione ti permetterà di vedere l’intensità dell’inquinamento luminoso e ti permetterà di individuare i posti dove è presente di meno. Questo dato è importante, se non fondamentale, se avete intensione di effettuare foto del cielo notturno.

Infatti più alta sarà l’intensità dell’inquinamento luminoso e più bassa sarà la probabilità di effettuare delle foto decenti. Una volta aperta l’applicazione cliccate su The Light Pollution Map e si aprirà una mappa con l’esatta posizione di dove vi trovate, se questo non dovesse accadere vi basterà cliccare sul pulsante in alto a destra (il secondo dall’alto).

Una volta dentro vedrete la mappa del mondo, o del posto che avete selezionato, con diversi colori. I colori indicano l’intensità dell’inquinamento luminoso, ad esempio se vedete rosso o giallo è dove ne trovi di più.

Generalmente questa intensità si trova nelle città, ad esempio su Roma la mappa è rossa.


Come potete vedere sulla destra trovate una scala di colori (per ottenerla vi basterà cliccare sull’icona a forma di chiave), più vi avvicinate a LIGHT e più l’inquinamento luminoso sarà maggiore mentre più vi avvicinate a DARK e più sarà basso.

Night Event Calendar, in questo menù troverete alcune informazioni di quello che succede nella notte in una precisa giornata.


Aurora Map and info, da questo menù potrete vedere l’esatta posizione dell’aurora boreale e altre info che diventano fondamentali se avete intenzione di organizzare un viaggio nel Nord Europa per fotografarla.


Moon Phases and Times, in questo menù troverete tutte l’info sulla luna (la fase, illuminazione, luna piena etc…).


Moon Direction Tool, qui puoi trovare tutte l’informazioni sulla posizione della luna in un preciso orario e in un preciso giorno. Inoltre ti dirà a che ora apparirà in cielo e quando sparirà.


CONCLUSIONI

Insomma se avete deciso di dedicarvi alla fotografia notturna questa applicazione non può mancare sul vostro smartphone.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri. Oppure il mio profilo Instagram: mrtozzo81.

Sun Surveyor, l’applicazione per monitorare il sole

In fotografia la luce è fondamentale, del resto il termine fotografia (deriva dal greco “photos” e “graphia”) significa “disegnare con la luce”.

Quando decidiamo di uscire per fare foto (che sia uno shooting, street photography o paesaggistica) dobbiamo sapere che tipo di luce incontreremo perché può determinare la riuscita oppure no di una foto.

Solitamente uscire nelle ore in cui la luce del sole è più forte non è mai consigliato perché le vostre foto potrebbero non essere il massimo, infatti una luce troppo forte (ad esempio quella delle ore centrali della giornata) può rendere le vostre foto piatte, con luci dure e colori spenti.

Questo non significa che non si possa fare fotografia in queste ore, si può fare ma con alcuni accorgimenti. Se invece cerchi l’ora giusta per fare foto di un certo spessore sicuramente devi sfruttare la Blue Hour e la Golden Hour.

Come faccio a capire quando in un determinato posto posso trovare la Blue Hour o la Golden Hour? Se fate una ricerca veloce su Google sicuramente trovate molti siti, ma se volete qualcosa da portare sempre con voi allora vi consiglio l’applicazione Sun Surveyor.

COME USARE SUN SURVEYOR

L’applicazione è disponibile si per iOS che per Android, qui trovare il link per scaricarla dal sito ufficiale, e trovate sia una versione LITE che è gratuita che una a pagamento (che naturalmente è più completa) al prezzo di circa 9€.

L’applicazione per funzionare ha bisogno di accedere alla vostra posizione, infatti una volta aperta vi troverete davanti ad una schermata con una bussola e con l’andamento del sole in base alla vostra posizione.

Sun Surveyor

Come potete vedere dalla schermata potete monitorare l’andamento del sole in base al luogo in cui vi trovate e all’orario. Inoltre potete vedere altre informazioni come l’orario dell’Alba e del Tramonto e l’Azimut di questi due eventi (Alba – Tramonto).

Se cliccate sul menù in alto a sinistra troverete la voce dettagli dove l’applicazione vi fornirà ulteriori informazioni sulla giornata in corso.

Scorrendo con il dito troverete altre schermate con ulteriori informazioni utili (alcune funzione sono bloccate nella versione lite).

CONCLUSIONI

L’applicazione è molto utile e precisa, io la uso in fotografia ma il suo utilizzo non è limitato solamente a questo campo. Tu ne conosci altre di applicazioni di questo genere? Hai domande? Sfrutta i commenti sotto questo post.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri. Oppure il mio profilo Instagram: mrtozzo81.

Come compilare la liberatoria per modelli di Shutterstock

Compilare la liberatoria per pubblicare foto di modelli/e su Shutterstock è tanto facile quanto importante per non avere problemi legali.

Nei post precedenti vi ho spiegato come pubblicare foto e video su Shutterstock (clicca qui per leggere come caricare foto e clicca qui per leggere come caricare video), oggi invece andiamo a vedere come compilare la liberatoria che obbligatoria se vogliamo pubblicare foto/video con modelli/e.

Quando si tratta di vendere foto di persone è sempre necessaria la liberatoria per evitare problemi legali e nel caso di Shutterstock è vincolante, infatti senza questo documento la foto verrà rifiutata.

DOVE SCARICARE IL MODULO

Se devi scaricare il modulo per la liberatoria hai due modi, il primo è quello di usare l’applicazione (disponibile sia per iOS che per Android) che si chiama “Releases Model Property” (qui trovi il post dove ne parlo).

Altrimenti puoi andare sul sito di Shutterstock e scaricarli da li, naturalmente devi avere già l’account su questa piattaforma. Quindi per scaricarli puoi andare qui: Moduli liberatoria.

Come potete notare esistono due tipi di moduli. Esiste il modulo per modelli che hanno più di 18 anni e il modulo per i modelli che hanno meno di 18 anni.

COME COMPILARE IL MODULO

Come ho già detto esistono due moduli, il modulo per modelli maggiorenni e quello per modelli minorenni. Fate molta attenzione a quale scaricate, specialmente se lavorate con modelli minorenni.

La seconda cosa che dovete fare è scegliere la lingua del modulo, nel nostro caso scegliamo italiano.

MODELLI MAGGIORENNI

Il modulo è molto semplice da compilare visto che comunque è diviso a sezione. La prima parte da compilare è la dichiarazione del modello che cede i propri diritti d’immagine al fotografo e a Shutterstock.

La seconda parte da compilare è dedicata al fotografo, qui infatti dovrà inserire i propri dati personali. La terza parte da compilare riguarda il modello che dovrà inserire i propri dati personali.

La quarta sezione da riempire è quella che riguarda l’etnia del modello, che però è facoltativa. Se si tratta di foto di nudo, oltre alla liberatoria, bisogna fornire anche una copia del documento (con foto) del modello per verificarne effettivamente l’età.

L’ultima sezione da riempire è quella del Testimone, ovvero colui che è presente nel momento in cui il modello firma la liberatoria, in questo caso dovrà essere indicato solo il nome.

Mi raccomando Fotografo, Modello e Testimone ricordatevi sempre di firmare la vostra parte altrimenti la liberatoria non ha valore.

MODELLI MINORENNI

Nel caso di modelli minorenni dovremmo scaricare l’apposito modello che è simile a quello per i maggiorenni, l’unica cosa che cambia è che anche il genitore dovrà firmare la liberatoria e dovrà essere descritta la scena.

Naturalmente in questo caso non sono previste scene di nudo, ma la cosa mi sembra anche ovvia!!

CONCLUSIONI

Il consiglio che vi posso dare è che se avete intenzione di inserire delle persone all’interno delle vostre foto/video da vendere su Shutterstock, prima di uscire di casa, stampate le liberatorie e riempite già i campi che riguardano il fotografo.

In questa maniera risparmierete del tempo, se poi avete intenzione di fotografare delle persone sconosciute oltre la liberatoria munitevi anche di biglietto da visita per avere un tocco professionale in più.

Se avete delle domande o volete dei chiarimenti potete sfruttare i commenti sotto questo post.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri. Oppure il mio profilo Instagram: mrtozzo81.