Come programmare l’invio di una email con Gmail

Oggi andiamo a vedere come programmare l’invio della email utilizzando Gmail.

In questo periodo di blocco forzato molta gente sta utilizzando gli strumenti informatici per lavoro, per svago e per rimanere in contatto con amici e parenti. In un precedente post ho spiegato come creare una mailing list con Gmail, oggi invece andiamo a vedere come programmare l’email sempre con Gmail.

Parlo di Gmail perché è quello che utilizzo tutti i giorni per lavoro e svago, se voi utilizzate altri servizi e volete spiegare come fare potete tranquillamente utilizzare i commenti sotto questo post.

PROGRAMMARE EMAIL

La prima cosa che dobbiamo fare è aprire una nuova email, inserire il/i destinatario/i, inserire l’oggetto dell’email e per ultimo il testo dell’email. A questo punto la vostra email è pronta, ma voi non la volete inviare subito ma alle 9 di domani mattina.

A questo punto invece di cliccare su INVIA cliccate sulla piccola freccia vicina e vi si aprirà un sotto-menù dove troverete la scritta “Programma l’invio“.

CONCLUSIONI

A questo punto se cliccate su programma l’invio vi si apre una piccola finestra dove potete decidere il giorno e l’ora dell’invio. Semplice vero? Questa funzione è molto utile per ottimizzare al meglio il vostro lavoro, specialmente se lavorate molto con l’email.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Come fare foto di notte senza flash

Hai provato a fare foto di notte senza ottenere il risultato sperato? Hai visto delle foto notturne con delle lunghe linee luminose ma non sai come fare? Continua a leggere.

Le foto di notte hanno un fascino particolare perché abbiamo la possibilità di giocare con le luci delle città o con l’oscurità della notte. Ma cosa serve per fare delle belle foto notturne?

REQUISITI

Quello che ti serve per fare delle belle foto è semplice:

  • Una macchina reflex (o che comunque ti permetta di regolare ISO, Tempo di Apertura e Focale).
  • Un treppiede
  • Telecomando per macchina fotografica (in caso contrario va bene anche l’autoscatto)

COME SCATTARE LA FOTO SENZA IL FLASH

No non mi sono scordato il flash e anzi ti dirò che per fare belle foto di notte il flash non serve proprio. Vorresti foto di questo tipo?

View this post on Instagram

{🗣Roma by night}

A post shared by mrtozzo81 (@mrtozzo81) on

View this post on Instagram

{🗣Roma by night – Lungotevere Ripa}

A post shared by mrtozzo81 (@mrtozzo81) on

View this post on Instagram

{🗣Roma by night}

A post shared by mrtozzo81 (@mrtozzo81) on

Allora la prima cosa che devi fare è impostare la tua macchina fotografica nella seguente maniera: ISO Automatici, Tempo di Scatto 15 o 20 secondi (qui devi fare qualche prova) e F/13 come Apertura Focale.

ISO AUTOMATICI

Gli ISO servono per determinare la sensibilità della luce delle nostre foto, solitamente vanno da 100 a 1600 (ma le macchine nuove riescono ad andare anche oltre i 1600). Più il valore è basso e più la sensibilità sarà bassa, molte macchine hanno anche la possibilità di impostare ISO automatici.

Ecco per fare le nostre foto vi consiglio di impostarli in maniera automatica con un limite massimo di 800 ISO. Se vuoi approfondire il discorso ISO sfrutta i commenti sotto questo post.

TEMPO DI APERTURA

Quando scattiamo di notte, o comunque in luoghi con poca luce, e non hai il flash dovrai lavorare per forza sul tempo di apertura. Questa funzione ti permette di decidere quanto tempo deve rimanere aperto l’otturatore della macchinetta.

È facile capire che più l’otturatore rimane aperto e più luce entra, quindi se ci troviamo in un ambiente con poca luce dovremo tenerci alti con i tempi. Nelle foto che vedi sopra ad esempio ho impostato il tempo di apertura a 20 secondi.

Naturalmente se utilizzi tempi di apertura elevati dovrai avere per forza un treppiedi dove posizionare la macchina, e magari anche un telecomandino per scattare, per evitare di ottenere delle foto mosse. Se invece non possiedi un treppiedi dovrai trovare un piano dove posizionare la macchinetta fotografica, l’importante è che non la tieni in mano.

APERTURA FOCALE

L’apertura focale ti permette di decidere quanto deve essere aperto il nostro obiettivo, solitamente si va da F/1.8 a F/22. Più è basso il valore e più la focale sarà aperta, quindi entrerà più luce, mentre più il valore sarà alto e più la focale sarà chiusa, quindi entrerà meno luce.

Quando si gioca con questo parametro bisogna tenere conto anche che cambia la profondità di campo. Quindi un valore basso significa avere una focale più aperta, più luce che entra e una minore profondità di campo.

Mentre avere un valore alto significa avere una focale più chiusa, meno luce che entra e una maggiore profondità di campo. Nel caso delle foto che ho scattato io ho optato per un F/13 per due motivi:

  • Avere una buona profondità di campo
  • Compensare il tempo di apertura

Avendo impostato il tempo di apertura a 20 secondi ho dovuto chiudere la focale in maniera da non avere foto sovraesposte, avendo un tempo di apertura lungo entra molta luce se apriamo anche molto la focale rischiamo che entri molta luce rovinando la nostra foto.

CONCLUSIONI

Questo è quello che serve per fare delle belle foto di notte, il flash lasciatelo a casa. Inoltre se fate foto di notte non dovete per forza sfruttare la lunga esposizione (come nel caso di questo post), ma potete giocare con le luci della città creando degli effetti veramente interessanti.

Tu come ti muovi quando devi fare una uscita notturna con la tua macchinetta? Sfrutta i commenti sotto questo post per lasciare la tua esperienza o se hai domande da fare su questo articolo.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

[HELP WORDPRESS]: Non accedo più al pannello admin

Houston we have a problem, non accedo più alla pagina admin del mio blog.

Il pannello admin del blog è l’equivalente della cabina di una navicella, se non riesci ad entrare la navicella va avanti senza controllo e le conseguenze possono essere gravi.

Ecco, io qualche settimana fa mi sono sentito come gli astronauti della navicella Apollo 13 e come loro ho lanciato il mio messaggio d’aiuto: “Houston we have a problem” e per fortuna il gruppo su Facebook “Ciccio, senti ‘na cosa” ha risposto.

Come dici? Non conosci il gruppo Facebook “Ciccio, senti ‘na cosa”? Allora clicca qui per leggere il post Ciccio, senti ‘na cosa: quando i Social sono utili.

PRENDI UN PLUGIN E TRATTALO MALE

Dalla sera alla mattina non riuscivo più ad accedere al pannello admin del mio blog, facevo il log in e mi appariva solamente una schermata bianca.

Chiedendo sul gruppo chi ha avuto lo stesso problema mi ha suggerito di controllare tutti i plug-in che ho installato sul mio blog, perché molto probabilmente un aggiornamento mi ha creato questo casino.

Quindi la prima cosa che ho fatto è entrare nel Cpanel del mio blog e poi sono andato su Gestione dei file. Ho individuato la cartella dove si trovano i plugin, selezionati tutti e poi spostati nella cartella cestino.

Attenzione!! Devi solamente spostare i plug-in nella cartella cestino e NON devi ne eliminarli definitivamente ne svuotare il cestino. Altrimenti non riuscirai a capire il problema.

A questo punto inizia il lavoro certosino (il tempo varia da quanti plugin hai installato) di spostare uno alla volta i plugin nella cartella giusta e provare ad accedere al pannello admin del tuo blog.

Non avendo molti plugin sul blog non ho impiegato molto tempo ad individuare il plugin che dopo l’aggiornamento era impazzito bloccandomi l’accesso la pannello admin del mio blog.

CONCLUSIONI

Questo problema che ho avuto sul mio blog mi ha confermato una cosa di cui avevo già la certezza: il web funziona solamente se c’è condivisione del sapere.

Tu hai avuto lo stesso problema o altri problemi più o meno simili con il tuo blog su wordpress? Lascia il tuo contributo nei commenti.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

[HELP WORDPRESS]: Configurare wordpress

Subito dopo l’installazione di WordPress, prima pubblicare il nostro primo post, dobbiamo pensare alla configurazione di wordpress.

Configurare wordpress è una di quelle operazioni da fare con molta calma perché devono essere fatte bene per non compromettere il nostro lavoro. Il vantaggio/svantaggio di usare wordpress è che abbiamo a disposizione molti plugin che possono aiutare il nostro lavoro.

Parlo di vantaggio perché abbiamo una vasta scelta, parlo di svantaggio perché la troppa scelta porta ad installare cose inutili che intasano solamente il nostro blog. Quindi la prima azione da fare è quella effettuare una attenta scrematura di quello che dobbiamo installare.

 

INSTALLARE I PLUGIN

Una volta entrati nel Pannello di Configurazione di wordpress bisogna andare nella sezione Plugin. In questa sezione troviamo i plugin già installati sul nostro blog, mentre di lato troviamo il menù Aggiungi Nuovo dove possiamo scegliere cosa installare.

Come dicevo prima configurare wordpress è una di quelle operazioni da effettuare con molta attenzione, per evitare di mettere sul nostro blog della mondezza che può compromettere il nostro blog. I plugin che andrò ad elencare successivamente sono quelli che ho installato sul mio blog e che per adesso lo stanno facendo lavorare bene.

Ad esempio la configurazione attuale rende il mio blog, da quello che dice Google, molto veloce nel caricamento. Questa è una caratteristica che ogni sito dovrebbe avere per non essere penalizzati.

 

Come dicevo prima questa è la lista dei plugin che sono installati sul mio blog:

 

  • Cookie notice
  • Facebook Page plugin
  • GA Google Analytics
  • Instagram Feed
  • kk Star Ratings
  • Mail Poet 3
  • Podamibe Custom User Gravatar
  • Social Pug
  • WordPress Force HTTPS
  • WP Fastest Cache
  • WP Smush
  • YOAST SEO

 

Ogni plugin ha il suo compito, ad esempio ci sono quelli che gestiscono la parte Social (Facebook Page plugin, Instagram Feed, Social Pug), il plugin per gestire le newsletter (Mail Poet 3), i plugin per gestire l’ottimizzazione del sito (WordPress Force HTTPS, WP Fastest Cache, WP Smush), il plugin per gestire la SEO (YOAST SEO)  e quelli per gestire le analytics e la cookie law (GA Google Analytics e Cookie notice).

E per ultimi, ma non per questo meno importanti, il plugin per gestire la valutazione dei post (kk Star Ratings) e l’avatar dell’autore dei post (Podamibe Custom User Gravatar). Questi 12 plugin permettono al mio blog di lavorare bene e veloce, se sei interessato ad un approfondimento di uno di questi plugin lascia un commento sotto il post, potrei creare un post ad hoc per te!

 

IMPOSTAZIONI

Ok dopo aver scelto i nostri plugin continuiamo con la configurazione di wordpress andando nel menù Impostazioni. Cliccando si apre un sotto-menù dove troviamo diverse voci da configurare.

 

GENERALI

Il primo che andiamo a vedere si chiama Generali, in questo menù possiamo configurare le impostazioni di base del nostro sito. Ad esempio il nome e il motto da far apparire sul nostro sito. In questa sezione la voce importante da specificare è Indirizzo WordPress e Indirizzo Sito.

Quindi in queste due voci andiamo a specificare l’url della directory principale e l’indirizzo dove verranno caricati i file wordpress. Comunque se vuoi approfondire meglio ti lascio il link di Codex WordPress dove viene spiegato bene in dettaglio la differenza di queste due voci.

Le altre voci che puoi configurare in questa sezione sono il fuso orario, formato data, formato orario e l’indirizzo email da usare per scopi amministrativi.

 

SCRITTURA E LETTURA

Questi due sotto-menù servono per impostare le modalità di scrittura e di lettura del tuo blog, in particolare fate attenzione al sotto-menù Lettura. In questa sezione trovate la voce “La tua home page mostra“, qui vi consiglio di mettere “Gli ultimi articoli”.

Invece nella voce “Le pagine del blog visualizzano al massimo” vi conviene configurare al massimo 5 articoli più recenti, come anche la voce “I feed visualizzano i più recenti“. Questo per rendere più “leggera” la lettura del blog, a questo punto vi rimane di configurare la voce “Per ciascuno articolo in un feed,mostra” e impostare Riassunto.

 

ATTENZIONE: NON SPUNTATE LA VOCE: “SCORAGGIA I MOTORI DI RICERCA AD EFFETTUARE L’INDICIZZAZIONE DI QUESTO SITO“.

 

DISCUSSIONE

Questa sezione è molto importante e va configurata bene perché qui da qui possiamo gestire i commenti, le moderazioni ed eventuali blacklist. Configurare bene questa sezione significa evitarsi rotture di palle dopo, mi raccomando impostate sempre la voce modera i commenti.

In questa maniera prima di apparire online sul vostro blog vi verrà notificato nella sezione Commenti, in questa maniera potete decidere se approvare oppure no il commento.

 

MEDIA E PERMALINK

In queste due sezioni potete definire le dimensioni standard delle foto che andrete a caricare sul vostro blog (sezione Media) e come strutturare l’url dei post del vostro blog (sezione Permalink).

 

ASPETTO

“Anche l’occhio vuole la sua parte”, quindi avere un blog esteticamente bello può aiutare. Naturalmente non dobbiamo dimenticarci che un blog deve essere anche funzionale, quindi oltre a scegliere un bel Tema (che sarà il vestito del vostro blog) ricordiamoci che dovrà essere anche Responsive (ovvero adatto per una visione Mobile).

Se andate nel menù Aspetto ==> Temi potrete scegliere tra molti, forse troppi, Temi gratuiti e non l’importante che sia un Tema Responsive. Una volta scelto il tema potrete Personalizzarlo e aggiungere Widget per dotare il vostro blog di qualche funzione in più. Inoltre potrete anche definire uno sfondo, quando sceglierete una foto per questa funzione fate attenzione che non sia una foto troppo “pesante”, altrimenti  potrebbe essere penalizzata la velocità del vostro blog.

Ultimo menù da vedere è Aspetto ==> Menù, qui potete decidere che tipo di Menù far apparire nel vostro blog e in quale ordine.

 

CONCLUSIONI

A questo punto il vostro blog è pronto e aspetta di essere riempito con i vostri contenuti. Se avete domande o dubbi potete sfruttare i commenti sotto questo post.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

 

[HELP WORDPRESS]: Come installare WordPress

 

 

Installare WordPress sul nostro sito può sembrare una di quelle imprese impossibili, ma alla fine riuscirai a farlo senza troppi problemi anche se non sei un esperto.

 

WordPress è il CMS (Content Management System) più utilizzato da chi sviluppa siti web, il suo successo è dovuto alla sua semplicità di utilizzo, di configurazione e anche grazie ad una vasta community che c’è dietro questo CMS. Visto che questo è il primo post del mio nuovo sito mi sembrava giusto iniziare con un post che spiegasse come installare WordPress.

 

REQUISITI PRIMA DI INIZIARE L’INSTALLAZIONE

Prima di iniziare ad installare WordPress dobbiamo verificare se abbiamo tutti i requisiti necessari, tranquillo non è niente di eclatante. La prima cosa da fare è comprare uno spazio web che ospiterà il tuo sito non farò nomi per evitare di fare pubblicità, ma ti basterà una semplice ricerca su Google per capire quale sia il migliore per le tue esigenze.

Quando andiamo a comprare uno spazio web solitamente possiamo scegliere se prendere in affitto un server con Windows o un server con Linux. Io tutte le volte che ho dovuto comprare uno spazio web ho sempre scelto macchine Linux per la loro affidabilità, velocità e sicurezza.

Generalmente quando compriamo uno spazio web nel pacchetto è compreso anche un Database, fondamentale se dobbiamo installare WordPress, quindi eventualmente se nel pacchetto non è compreso un Database aggiungetelo. Esistono diversi Database di dimensioni diverse, quella è una scelta personale che dipende da che tipo di sito web volete creare.

A questo punto dovete solamente scaricare l’ultima versione di WordPress (per farlo potete cliccare qui) e, visto che sarà un file zippato, scompattarlo sul vostro computer.

 

INIZIAMO AD INSTALLARE WORDPRESS

 

ANDIAMO A CREARE IL DATABASE

Il primo passo che dobbiamo fare è creare il database che servirà per gestire il nostro sito su WordPress, tranquilli non bisogna essere dei super esperti informatici  l’operazione è veramente semplice. Bisogna andare sul nostro CPanel, ovvero il pannello di controllo del nostro spazio web, e andare nella sezione della gestione del database.

Una volta entrati bisogna cliccare sull’icona “Database MySQL“, a questo punto si apre una pagina con una prima schermata che vi permetterà di creare il vostro database. L’unica cosa che dovete fare è scrivere il nome del database che volete creare, cliccate sul tasto crea e il vostro database è pronto.

Sempre dalla stessa pagina scorrete giù fino ad arrivare alla schermata “Utenti MySQL“, qui dovete solamente inserire il nome utente e la password (questi dati segnateveli perché vi serviranno più avanti) e cliccare su crea utente. L’ultimo passo da effettuare è associare il database e l’utente appena creati, per farlo vi basta scorrere ancora giù la pagina e troverete la schermata “Aggiungi utente al database“.

 

MODIFICHIAMO IL FILE DI CONFIGURAZIONE

Una volta scaricata l’ultima versione di WordPress dobbiamo scompattarla sul nostro computer e successivamente dobbiamo aprire con un editor di testi il file “wp-config-sample.php“, primo di aprirlo però dobbiamo rinominarlo come “wp-config.php“.

Una aperto il file dobbiamo andare ad apportare delle modifiche solamente nella sezione che riguarda il database, quindi dobbiamo avere a portata di mano l’informazioni sul database che abbiamo creato precedentemente.

 

 

Il primo dato che dobbiamo modificare è il nome del database, quindi andate sulla riga dove è scritto define(‘DB_USER’, ‘nome_del_database_qui’) e dovete sostituire “nome_del_database_qui” con il nome del database che avete creato prima.

Il secondo dato che dobbiamo modificare è il nome utente che accede al database, quindi andate sulla riga dove è scritto define(‘DB_USER’, ‘nome_utente_qui’) e dovete sostituire “nome_utente_qui” con il nome dell’utente che avete creato prima.

Il terzo dato che dobbiamo modificare è la password  utente che per accedere al database, quindi andate sulla riga dove è scritto define(‘DB_PASSWORD’, ‘password_qui’) e dovete sostituire “password_qui” con la password dell’utente che avete creato prima.

Il campo “Hostname MySQL” invece rimane invariato, a questo punto potete salvare il file e se non l’avete ancora fatto rinominatelo come wp-config.php,  questo sarà il file che dovrete caricare sul vostro host.

 

CARICHIAMO I FILE SUL SERVER

Arrivati a questo punto il lavoro grosso è stato fatto, ora bisogna solamente prendere i file che troviamo nella cartella WordPress che abbiamo scaricato sul nostro computer (compreso il file wp-config.php) e caricarli sul nostro server. Quello che ci serve è un client FTP (io consiglio di scaricare FileZilla) e le credenziali per accedere via ftp al vostro server.

Una volta che vi siete collegati al vostro server ftp con FileZilla vi troverete sulla destra le cartelle remote (quelle presenti sul vostro server) e sulla sinistra le cartelle sul vostro computer.

Ora nella schermata di destra, quella che contiene le cartelle sul vostro server, dovete entrare nella cartella “public_html” e qui dentro dovrete fare l’upload di tutte le sottocartelle e file che trovate nella cartella WordPress che vi siete scaricati sul vostro computer.

 

INSTALLARE WORDPRESS

Arrivati a questo punto non ci resta che installare il nostro CMS e per farlo, se le cose sono andate bene, dobbiamo aprire il nostro browser preferito e scrivere: www.miosito.it/wp-admin/install.php  e si aprirà la prima pagina per configurare il nostro sito con WordPress.

 

CONCLUSIONI

Alla fine installare un CMS WordPress non è una cosa impossibile, basta solamente seguire fedelmente i passi appena spiegati ed inserire i dati giusti. Anche la successiva configurazione del CMS WordPress è molto semplice, ma se avete domande per quanto riguarda l’installazione o la configurazione di WordPress sfruttate i commenti sotto questo post.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

 

Al prossimo post !!!