Come ottimizzare le foto per Instagram

Ottimizziamo le foto prima di pubblicarle su Instagram.

Se abitualmente carichi sul tuo profilo Instagram solamente foto scattate con la tua reflex allora questo post ti può tornare utile.

Ami la fotografia e scatti foto solo con la tua fidata reflex? Ti piace condividere i tuoi scatti sul Social più famoso per la fotografia (ovvero Instagram)? Allora continua a leggere questo post perché ti potrebbe essere utile per migliorare il tuo flusso di lavoro, dallo scatto alla pubblicazione.

Quante volte hai caricato la foto appena fatta con la reflex e ti sei accorto che Instagram te la taglia come vuole lui? Oppure quante volte hai scattato con la tua reflex per avere una qualità maggiore e poi ti sei accorto che appena la carichi su Instagram ti perdi qualcosa?

FLUSSO DI LAVORO: DALLO SCATTO ALLA PUBBLICAZIONE

Solitamente io quando decido di scattare delle foto, che poi verranno stampate o pubblicate sui Social, ho il mio flusso di lavoro che parte dal momento che esco la reflex per scattare fino al momento della pubblicazione sui Social (o della stampa).

Sono due flussi di lavoro simili in alcuni passi ma sostanzialmente diversi, per questo motivo in questo post parlerò solamente del flusso di lavoro che applico per fare foto che andrò poi a pubblicare. Nel prossimo post invece parlerò del flusso di lavoro che utilizzo quando devo fare foto da stampare.

1° Step: organizzare lo shooting

Per fare un buon lavoro e non avere sorprese bisogna organizzarsi per bene prima di iniziare a scattare. L’organizzazione cambia a seconda del tipo di fotografia che voglio fare.

Ad esempio se voglio fare street photography oppure se devo partire per un viaggio mi studio bene le zone dove andrò in maniera di andare a colpo sicuro e per avere già un’idea di quello che andrò a fotografare.

Se invece devo fare dei Portrait (quindi foto a persone) in esterna (come può capitare al Romics) mi studio la location per cercare i posti migliori e, cosa importante, controllo il meteo e che tipo di luce potrà esserci in un determinato orario.

Ad esempio il 13 aprile sono andato a fare foto al Gran Premio di Formula E che si è svolto nel quartiere E.U.R. a Roma. In questo caso mi sono studiato la posizione migliore dove mettersi durante la gara visto che, una volta scelta, non puoi cambiare la posizione e una posizione sbagliata significa brutte foto.

2° Step: decidere l’attrezzatura fotografica

Qui la decisione dipende molto da cosa devi fotografare, ad esempio se devo uscire per una sessione di street photography viaggio leggero. Quindi esco solo con la mia reflex con montato un 35mm e al massimo mi porto un mini-treppiedi.

Se invece devo fare uno shooting in studio, oppure in esterna, mi porto la reflex, due obiettivi (sicuramente il 50mm mentre per l’altro dipende dalla location), il flash, i trigger per collegare il flash in remoto e un treppiedi.

Invece il 13 aprile, per il Gran Premio della Formula E, mi porterò solamente la reflex con due obiettivi (70-300mm e 18-55mm). Insomma come avete capite non esiste una regola unica, dipende molto dalla situazione. L’unica cosa certa è che non conviene portarci sempre tutta la nostra attrezzatura dietro.

3° Step: inizia a fotografare

Ok il momento è arrivato, bisogna iniziare a fotografare. Questo step è molto soggettivo, l’unico cosa che posso dire è che ti conviene impostare la macchina fotografica con il formato RAW e cosa fondamentale, lascia nello zaino lo smartphone.

Infatti lo smartphone può essere una grossa distrazione mentre fai le foto, specialmente se stai facendo Street Photography, ti conviene usarlo nelle pause se magari vuoi fare qualche Storia per mostrare il “dietro le quinte” delle tue foto.

4° Step: lavoriamo le foto per Instagram

Ok, finalmente abbiamo la nostra pronta per essere lavorata. Dopo che avete sistemato Luci e Colori con Lightroom è arrivato il momento di renderla il più adatta possibile ad Instagram.

Infatti se andiamo a pubblicare la nostra foto, scattata con la reflex, cosi com’è questa verrà tagliata da Instagram. Invece di far decidere ad Instagram cosa tagliare e cosa no perché non lo facciamo noi? In questa maniera riusciremo anche a rendere lo scatto più interessante.

Per farlo ci basta utilizzare Photoshop (da Desktop o da Smartphone) per modificare il taglio della foto, prima di tutto dobbiamo vedere se la foto che abbiamo fatto è verticale oppure orizzontale.

Foto verticale

Una volta aperto Photoshop cliccate sull’icona taglierina, che trovate in alto a sinistra, e si aprirà un sottomenù dove potrete definire le dimensioni della foto.

Nel caso di una foto verticale dobbiamo scegliere il formato 4/5 (perché è quello preferito da Instagram) andando a cliccare sulla voce Menù proporzioni.

Una volta che abbiamo scelto il formato (quindi nel nostro caso 4/5) noterete che qualcosa della vostra foto verrà tagliata. In questo caso però puoi decidere te cosa ritagliare aggiustando la foto come meglio ti piace, ad esempio lasciando più cielo o più terra.

FOTO ORIZZONTALE

Nel caso delle foto orizzontali la procedura è la stessa di quelle verticali, l’unica cosa che dovrai modificare è il formato che invece di essere 4/5 sarà quadrato.

Una volta che avete modificato la foto salvatela (anche con una media qualità) e poi non vi resta che pubblicarla su Instagram.

CONCLUSIONI

Questo è il flusso di lavoro che utilizzo io quando devo scattare delle foto per Instagram. Credo che avere un flusso ordinato di lavoro possa fare la differenza per ottenere un buon lavoro.

Se hai qualche domanda puoi sfruttare i commenti sotto questo post.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Cosa imparare dal caso “Birrificio ADDA”

Birrificio ADDA – Epic Fail: Quando vuoi fare TAFFO ma ti riesce meglio la parte del “cliente” di TAFFO!!

“Chi non conosce la storia è condannato a ripeterla” oppure “Una generazione che ignora la storia non ha passato ne futuro”, questi due detti si adattano perfettamente al mondo dei Social.

Da quando sono nati i Social Media ci sono stati molti casi di Epic Fail che hanno creato delle grosse crisi aziendali, che tradotto vuole dire “perdita di denaro“.

Nonostante questo molti Social Media Manager (o aspiranti tali) continuano a compiere errori madornali che mettono in crisi l’azienda per cui lavorano. Il problema è che tutti vogliono fare TAFFO, ma a molti riesce meglio il ruolo di “cliente” di TAFFO.

L’ultimo caso è quello del Birrificio ADDA che pensava di creare un post “simpatico” in occasione del Ponte di Pasqua e invece ha creato solo un grande Epic Fail.

COSA DOBBIAMO IMPARARE DA QUESTO EPIC FAIL

  1. Non impariamo dal passato
  2. I Social, specialmente se vengono usati per lavoro, non devono essere usati con leggerezza
  3. I Social sono dei mezzi potenti per Aziende e Professionisti se usati bene, ma se usati male possono essere paragonati ad un boomerang che ti arriva dritto in faccia…fa male
  4. I soldi che risparmi affidando la gestione dei tuoi canali Social al “cugggino” di turno verranno spesi durante l’EPIC FAIL e arriverà l’EPIC FAIL
  5. Accendere il cervello prima di accendere il computer

CONCLUSIONI

Questi sono i 5 punti che sono venuti in mente a me dopo che ho letto il caso del Birrificio ADDA, tu invece cosa hai pensato? Lascia il tuo contributo, se vuoi, nei commenti sotto questo post.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Usare le Storie di Facebook per portare traffico su Instagram

Hai mai pensato ad utilizzare le Storie Facebook per portare traffico al tuo account Instagram?

Tu le usi le Storie di Facebook? No? Male, anzi malissimo, perché può essere un buon metodo per portare traffico sul tuo profilo Instagram e non solo!

Una della funzioni più interessanti di Instagram è quella di poter inserire i link dentro le Storie ma c’è un ma, infatti per poter avere questa funzione devi avere almeno 10K di follower.

Risultato difficile da raggiungere se ti muovi in maniera onesta, quindi come possiamo fare per aumentare il traffico al nostro profilo Instagram o ai nostri lavori?

FACEBOOK TORNA AD ESSERE UTILE

Semplice, usiamo Facebook! Si hai letto bene, finalmente ho trovato un motivo per tornare ad usare seriamente Facebook. Infatti all’interno delle Storie di Facebook è possibile inserire un link.

ANDIAMO A CREARE LA NOSTRA STORIA

Creare una Storia è molto semplice perché si crea come un semplice post.

L’impostazione della Storia è sempre uguale:

  • Titolo della foto (accompagnato da un emoji)
  • Hashtag
  • Link
  • Manine che indicano giù (il perché lo capirete dopo)

Una volta impostato il nostro post possiamo andare avanti cliccando su Condividi.

A questo punto potete scegliere se condividere il post sulla tua bacheca oppure nelle tue Storie, noi scegliamo la seconda. Ecco questo è il risultato che otteniamo.

Adesso avete capito a cosa servono le manine che indicano giù? Si esatto servono per indicare dove cliccare per vedere il contenuto.

CONCLUSIONI

Questa funzione io la uso sia per portare traffico al mio profilo Instagram e sia per pubblicizzare le mie foto su Adobe Stock, ShutterStock e Getty Images.

Ecco questo, secondo me, è un utilizzo intelligente dei Social Media e in questo caso anche un Social come Facebook (che ultimamente usavo poco) può tornare utile.

Tu come le sfrutti le Storie? Le usi? Hai altri metodi per sfruttare al meglio i Social? Se ti va puoi lasciare il tuo contributo nei commenti sotto questo post.


Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Instagram: come convertire il profilo personale in business

Andiamo a vedere come convertire il profilo personale Instagram in profilo business.

Se usi il tuo profilo Instagram per lavoro allora è il caso di convertirlo da account personale a business.

Il passaggio ad un profilo business è conveniente sotto diversi punti di vista, specialmente se usi Instagram per lavoro. Ad esempio se vuoi sponsorizzare un post (come fare l’ho spiegato qui) oppure se vuoi avere le statistiche del tuo account per impostare una strategia (come fare l’ho spiegato qui), allora devi convertire il tuo profilo personale in business.

Fare questo passaggio è molto semplice quindi mettiti comodo e continua la lettura di questo post che ti spiego come fare.

DA PROFILO PERSONALE A PROFILO BUSINESS

Per convertire il nostro profilo basta accedere al nostro profilo dal nostro smartphone e andare sul menù Impostazioni. Successivamente bisogna andare sulla voce Account e poi trovare la voce “Passa a un profilo Aziendale“.

“Attenzione prima di effettuare la conversione devi essere proprietario di una Pagina Facebook, infatti quando andate a convertire il profilo Instagram vi chiederà di associare al profilo una Pagina Facebook”.

A questo punto vi basta seguire i passi (che sono veramente pochi) e il gioco è fatto, da questo momento il vostro profilo è convertito. Naturalmente le statistiche partono da questo momento, quindi per tutti i post che avete pubblicato precedentemente non ci saranno le statistiche.

Inoltre oltre le statistiche con la versione Business si possono inserire sul vostro profilo le modalità di contatto (email o telefono) oppure inserire l’indirizzo del vostro ufficio/azienda.

CONCLUSIONI

Se usate Instagram per lavoro allora dovete considerare il passaggio alla versione Business. Naturalmente si può tornare indietro alla versione normale quando volete e senza problemi per ritornare quando volete alla versione business.

Se avete domande o dubbi sfruttate i commenti sotto questo post, se invece ancora non seguite il mio profilo instagram allora clicca qui.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.

Quando pubblicare su Instagram?

Quando bisogna pubblicare su Instagram? A che ora? In quale giorno? In questo post ti spiego come lavoro io con il mio account Instagram.

Spesso e volentieri leggo fantomatiche teorie dei “guru” dei Social Media dove spiegano a che ora, e in quali giorni, bisogna pubblicare per avere più successo. Tutte cazzate!!

Non esiste la formula magica che ti indica a che ora e in quale giorno bisogna pubblicare per ottenere più successo su Instagram. È ora di crescere e smettere di credere a tutte le cazzate che dicono questi “guru”, perché poi queste cazzate diventano libri e questi libri aumentano la loro “web credibility“.

RAGIONA E SPERIMENTA

Su Instagram, ma anche sui Social Media in generale, non esiste una regola generale che vale per tutti. Se una strategia vale per un account non è detto che valga anche per il tuo, e viceversa.

Allora cosa possiamo fare per capire quale strategia usare sul nostro account Instagram? Ragiona e Sperimenta!

RAGIONA

Questa forse è la cosa più difficile da fare ma anche la più importante per ottenere quello che vuoi: ragionare!!

Prima di tutto devi capire, ma questo già lo dovresti sapere, che tipo di account è il tuo, che pubblico hai e quali sono le abitudini delle persone che ti seguono e cosa gli piace di più.

Naturalmente che il tuo sia un pubblico spontaneo, ovvero che non hai fatto la cazzata di comprarti i followers come fanno in molti solo per far vedere che lo tengono grosso (il numero di followers intendo… 😀 ).

Invece di buttare i soldi per comprarti i followers spendili in qualcosa di più utile, tipo in formazione o per pagare un professionista che ti gestisca i Social Media.

Altra cosa importante lascia perdere le vanity metrics, ovvero il numero di like, commenti e condivisioni che ogni tuo post prende. Si è vero vedere tanti like, commenti e condivisioni sotto i propri post può essere gratificante, ma alla fine non servono a niente se non sono spontanei.

Ok, ora che ti sei purificato da tutte queste cazzate puoi iniziare a pensare alla tua strategia. In questo caso ci può venire in aiuto lo stesso Instagram che mette a disposizione le statistiche dell’account.

N.B.

Se vuoi vedere le statistiche dell’account devi prima convertirlo nella versione Business. Se non sai come fare per adesso chiedi pure nei commenti, prossimamente farò anche un post dettagliato.

Per accedere alle tue statiche ti basta andare sul tuo profilo e poi cliccare sull’icona in alto a destra, poi cliccare su Dati Statici. Qui trovi tante informazioni utili che ti possono far capire come lavora il tuo account e chi sono i tuoi followers.

In questa sezione trovi anche l’informazioni riguardanti gli orari e i giorni quando i tuoi followers sono più attivi. Naturalmente sono statistiche e quindi vanno lette, interpretate e non prese come Vangelo ma possono essere un buon punto di partenza per impostare la propria strategia.

SPERIMENTA

Ora che hai definito la prima bozza della tua strategia devi iniziare a sperimentare e verificare se effettivamente hai dei risultati. E se la strategia non funziona? Semplice, ricomincia da capo a ragionare, ridefinisci una nuova strategia e sperimenti nuovamente.

Solo in questa maniera riuscirai ad ottenere i risultati giusti per te, magari non sarà una cosa immediata ma una volta che hai trovato la strada giusta non ti fermerà più nessuno.

CONCLUSIONI

Questo che ho scritto è solamente il mio metodo di lavoro che adotto da sempre sia offline che online, se ti aspettavi trucchi o software magici per diventare famoso su Instagram mi dispiace molto, ma non è qui che devi cercare!!

Tu come approcci il tuo lavoro sui Social? Hai qualche suggerimento o esperienza che vuoi condividere? Allora sfrutta i commenti sotto questo post. Se invece vuoi vedere il mio profilo Instagram basta che clicchi qui: MrTozzo81.

Se ritieni che questo post sia utile CONDIVIDILO sui tuoi Social Network  e lascia una VALUTAZIONE sfruttando le stelline qui sotto. Inoltre se vuoi puoi seguirmi sulla mia Pagina Facebook: Andrea Toxiri.